7 Minuti

Modificato e recensito clinicamente da THE BALANCE Squadra
Fatto verificato

A differenza di ciò che si possa pensare, la terapia del dolore non è destinata solo ai malati terminali, ma a tutti quei pazienti che soffrono di dolore cronico e permanente. Esistono diversi metodi per trattare questo tipo di dolore. A seconda del singolo caso, che deve essere indagato e valutato in apposite strutture, vi sono una serie di cure farmacologiche a cui è possibile affiancare terapie non farmacologiche. Tuttavia, nella maggior parte dei casi, queste ultime da sole non bastano per ridurre l’intensità del dolore cronico.

La terapia del dolore, anche chiamata algologia o terapia antalgica, consiste nell’identificare e valutare il dolore cronico, per fornire cure palliative al fine di attenuarlo. Nonostante non sia molto conosciuta, in Italia è un trattamento garantito dalla Legge 38/2010. Il dolore è costituito da 2 componenti principali:

  • Componente sensoriale e percettiva, che avviene tramite un segnale nervoso che viaggia dalla sede del dolore, dove è presente il danno tissutale, fino al sistema nervoso centrale, nell’encefalo. Il cervello, così, riconosce lo stimolo doloroso e il paziente percepisce il dolore.
  • Componente emotiva, legata all’emozione collegata all’esperienza dolorosa. Il dolore fisico coinvolge anche la sfera psicologica del soggetto. Per tale motivo, la percezione dello stimolo doloroso può variare da persona a persona, in base ai propri trascorsi emotivi. Avendo questa forte componente psicologica, spesso la percezione del dolore cronico è sproporzionata rispetto al danno reale.

La terapia del dolore è volta all’attenuazione o all’eliminazione del dolore permanente, dovuto a diverse patologie. Questi trattamenti apportano benefici non solo all’organismo, ma migliorano notevolmente la qualità di vita del paziente, dal punto di vista psicologico, economico e sociale.

La terapia del dolore permette ai malati cronici di ricevere cure palliative, per migliorare la qualità di vita del paziente. Vi è una rete nazionale che comprende una serie di strutture, dall’ospedale al domicilio, il cui scopo è garantire assistenza al malato. Questa rete è composta da 3 nodi principali, quali:

  • Centri del dolore;
  • Ambulatori di algologia;
  • Ambulatori dei medici di medicina generale.

La prima diagnosi viene effettuata dal medico di base che, a seconda del bisogno del soggetto, della gravità e della natura del dolore cronico, indirizzerà il paziente al centro di cura più consono. In questo modo, è possibile ridurre gli accessi in pronto soccorso e favorire una migliore gestione del dolore.

La terapia del dolore è indirizzata a pazienti che soffrono di dolore cronico. Questo può essere causato da diversi fattori, quali:

  • Disfunzioni del sistema nervoso centrale o periferico: dolore neuropatico;
  • Attivazione dei nocicettori a causa di un danno tissutale: dolore nocicettivo;
  • Relazioni psico-relazionali: dolore psicosomatico;
  • Diverse componenti concomitanti: dolore misto;
  • Malattie oncologiche: dolore oncologico.

Inoltre, la terapia antalgica può alleviare il dolore cronico scaturito anche da patologie ossee, reumatiche, degenerative e metaboliche.

Disclaimer: le informazioni fornite potrebbero non essere esaustive.

La tipologia di farmaco da utilizzare per la cura del dolore dipende dall’intensità e dal tipo di stimolo doloroso del paziente. In particolare, le principali categorie di farmaci impiegate nella riduzione del dolore cronico includono:

  • Fans (farmaci antinfiammatori non steroidei): vengono utilizzati in caso di dolore cronico lieve o moderato e attuano un’azione analgesica, antipiretica e antinfiammatoria. Sono in grado di inibire la sintesi delle prostaglandine, che mediano la risposta allo stimolo doloroso.
  • Corticosteroidi o cortisonici: sono farmaci dal potente effetto antinfiammatorio, antidolorifico e antiallergico. Vengono utilizzati per trattare il dolore cronico. Tuttavia, sono sconsigliati per una terapia a lungo termine, in quanto possono causare diversi effetti collaterali.
  • Oppioidi: sono analgesici utilizzati in caso di dolore cronico moderato o grave. La loro funzione è quella di stimolare i recettori oppioidi, situati sulle vie del dolore presenti nell’organismo, così da impedire la trasmissione degli stimoli dolorosi. Gli oppioidi vengono impiegati principalmente per trattare il dolore oncologico.
  • Cannabinoidi: la cannabis terapeutica viene prescritta a pazienti che non rispondono positivamente ad altri trattamenti medici per l’attenuazione del dolore cronico. È strettamente regolamentata e può essere prescritta solo in casi specifici.
  • Antidepressivi: gli antidepressivi triciclici e gli inibitori selettivi della serotonina e della noradrenalina vengono utilizzati per contrastare il dolore neuropatico. Essi possono essere utilizzati da soli o in combinazione con altri analgesici.
  • Anticonvulsivanti: anch’essi vengono impiegati nel trattamento del dolore cronico neuropatico. Essi aiutano a ridurre il rilascio di neurotrasmettitori coinvolti nella trasmissione dello stimolo doloroso.
  • Anestetici locali: aiutano a bloccare la trasmissione del dolore, inibendo i canali presenti sulla membrana cellulare.

Disclaimer: l’elenco proposto non è da considerarsi necessariamente esaustivo.

Esistono diversi modi per somministrare i farmaci volti alla riduzione del dolore cronico. Le modalità dipendono dal tipo di farmaco scelto. Nella maggior parte dei casi, vengono somministrati per iniezione o infusione nel circolo sanguigno. In caso di dolori che coinvolgono le articolazioni, possono essere necessarie le infiltrazioni

Altri metodi più invasivi, invece, includono:

  • Inserimento di cateteri;
  • Utilizzo di infusori o pompe elastomeriche, per somministrare il farmaco in maniera continua e autonoma;
  • Impiego di pompe antalgiche a controllo del paziente, per l’autosomministrazione del farmaco.

Disclaimer: le informazioni fornite non sono necessariamente esaustive.

L’algologia prevede il trattamento del dolore cronico mediante una terapia farmacologica. Tuttavia, è possibile affiancare ad essa una terapia non farmacologica. Essa dipenderà dalla tipologia di dolore da trattare. Tra gli approcci più comuni, possiamo trovare:

  • Radiofrequenza: è una tecnica di interruzione temporanea o definitiva del dolore cronico, che si serve di un impulso termico che agisce sui nervi e sulle vie del dolore, alterando così le fibre nervose. Tale pratica è particolarmente efficace per trattare il dolore alla schiena.
  • Tens (stimolazione nervosa elettrica transcutanea): consiste nell’applicare sulla cute lievi impulsi elettrici che riducono la percezione del dolore. Tale trattamento inibisce le afferenze nervose nella trasmissione nocicettiva. È particolarmente indicata per trattare i disturbi articolari, il mal di schiena, il mal di testa, i dolori da fratture o traumi fisici e il dolore post-operatorio.
  • Massaggi: sono utili per trattare i dolori muscolo-scheletrici e sono utilizzati specialmente nella terapia del dolore alla schiena. Esistono diversi tipi di massaggio, come quello decontratturante, ayurvedico, olistico, shiatsu e quant’altro. Sarà lo specialista a scegliere la tipologia più adatta alle esigenze del paziente.
  • Fisioterapia: promuove la riduzione del dolore attraverso specifici esercizi fisici, che normalizzano la risposta analgesica e aumentano la produzione di ormoni come la serotonina. Inoltre, questo tipo di esercizi permette di ridurre anche lo stato infiammatorio.

Disclaimer: l’elenco proposto non è da considerarsi esaustivo.

FAQs

Un metodo unico

Un sistema collaudato ed efficace per individuare le vere cause di qualsiasi squilibrio.
1 - UN CLIENTE PER VOLTA
2 - PRIVACY & DISCREZIONE
3 - CHECK-UP APPROFONDITO
4 - PROGRAMMA PERSONALIZZATO, PER TRATTARE OGNI DISTURBO ALLA RADICE
5 - RISTRUTTURAZIONE BIOCHIMICA
6 - APPROCCIO OLISTICO
7 – TERAPIE ALL’AVANGUARDIA
8 - UN CONSULENTE SEMPRE A DISPOSIZIONE
9 - STRUTTURA DI LUSSO PRIVATA
10 - CHEF PERSONALE E PIANO ALIMENTARE

APPROCCIO DUREVOLE

0 Prima

Invia richiesta di ammissione

0 Prima

Definire gli obiettivi del trattamento

1 settimana

Comprehensive Assessments & Detox

1-4 settimana

Fisico in corso e Terapia mentale

4 settimana

Family Therapy

5-8 settimana

Dopo cura

12+ settimana

Visita di aggiornamento

Accreditamenti e media

 
AMF
British Psychology Society
PsychologyToday
COMIB
COPAO
EMDR
EPA
FMH
ifaf
institute de terapie neural
MEG
NeuroCademy
NeuroCare
OGVT
pro mesotherapie
Psychreg
red GDPS
WPA
SFGU
SEMES
SMGP
Somatic Experience
ssaamp
TAA
SSP
DeluxeMallorca
BusinessInsider
ProSieben
Sat1
Focus
Taff
TechTimes
HighLife
Views
abcMallorca
LuxuryLife