COMPETENZE MEDICHE SVIZZERE: ZURIGO, MALLORCA, LONDRA, NEW YORK

13 Minuti

Modificato e recensito medico da THE BALANCE Squadra
Fatto verificato

Il disturbo della personalità è un disturbo mentale con schemi di pensiero e di comportamento disadattivi, che si manifestano in modo pervasivo, inflessibile e apparentemente permanente, coinvolgendo diverse sfere della personalità dell’individuo. I disturbi di personalità sono molteplici e ognuno di essi è caratterizzato da sintomi specifici. Per quanto riguarda le cause, si pensa possano essere dovuti a fattori genetici e ambientali. Continua a leggere per conoscere i diversi tipi di disturbi di personalità, nonché i relativi sintomi e le opzioni di trattamento.

I disturbi di personalità sono condizioni di salute mentale caratterizzate da un modo pervasivo e persistente di pensiero, percezione, reazione e relazione che causano disagio significativo o compromissione funzionale. Questi disturbi insorgono nel momento in cui determinati tratti di personalità diventano talmente pronunciati, rigidi e disadattivi da compromettere il funzionamento lavorativo e interpersonale del soggetto.

I disturbi della personalità descritti dal DSM-5 (Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali) sono 10 e si distinguono nei seguenti gruppi:

  • Cluster A: è caratterizzato da comportamenti strani o paranoici e dalla tendenza del soggetto all’isolamento e alla diffidenza.
    • Disturbo paranoide di personalità: il malato presenta tendenza alla paranoia, alla diffidenza, alla sospettosità e manie di persecuzione. Tale disturbo non è da confondersi con la schizofrenia paranoide o con il disturbo delirante;
    • Disturbo schizotipico di personalità: il soggetto ha comportamenti eccentrici, credenze bizzarre, esperienze sensoriali insolite, ma senza che abbia allucinazioni vere e proprie. Non è da confondere con la schizofrenia;
    • Disturbo schizoide di personalità: il soggetto mostra isolamento volontario e nessun interesse nella socialità. Non è da confondere con la sindrome di Asperger.
  • Cluster B: è caratterizzato da comportamenti emotivi o drammatici, nonché da scarsa empatia e poco altruismo. Il soggetto, infatti, risulta egocentrico, narcisista e focalizzato eccessivamente su sé stesso.
    • Disturbo antisociale di personalità: il soggetto mostra mancanza di empatia, di rimorso e di rispetto delle regole sociali. Inoltre, tende a manipolare gli altri per proprio ritorno personale;
    • Disturbo borderline di personalità: il soggetto presenta instabilità di pensiero e atteggiamenti, cambiamenti d’umore improvvisi, scoppi d’ira ingiustificati, nonché impulsività e pensiero incoerente. Da non confondere con il disturbo bipolare, la ciclotimia o il disturbo schizoaffettivo;
    • Disturbo narcisistico di personalità: il soggetto mostra egocentrismo (grandiosità di sé), necessità di adulazione, scarsa empatia, autostima eccessiva (nel tipo overt) o bassa autostima (nel tipo covert), relazioni sociali superficiali e senza coinvolgimento, intolleranza alle critiche e, talvolta, paranoia;
    • Disturbo istrionico di personalità: il soggetto, in questo caso, ha il bisogno ossessivo di essere sempre al centro dell’attenzione, spesso ricercata attraverso un’intensa emotività. Inoltre, manifesta gesti teatrali e seducenti, nonché è alla costante ricerca di impressionabilità e di novità.
  • Cluster C: è caratterizzato da comportamenti ansiosi o paurosi e da una bassa autostima del soggetto.
    • Disturbo evitante di personalità: il soggetto ha timore degli altri fino alla paranoia, evita le situazioni sociali, ma ne soffre. Ha una bassa autostima, ma un’alta consapevolezza di sé. Non è da confondersi con la fobia sociale;
    • Disturbo ossessivo-compulsivo di personalità: il soggetto mostra perfezionismo eccessivo e bisogno di controllo, nonché rigidità e ostinazione. Non è da confondersi con il disturbo ossessivo-compulsivo d’ansia;
    • Disturbo dipendente di personalità: il soggetto presenta forte insicurezza e bisogno di essere indispensabile, approvato e accudito, ma delega le responsabilità.

Disclaimer: le informazioni fornite non sono da considerarsi esaustive.

I sintomi dei disturbi della personalità possono variare da individuo a individuo e possono differire a seconda del tipo specifico di disturbo. In linea generale, la sintomatologia comune riguarda:

  • Identità e senso di sé: le persone che soffrono di disturbi di personalità, spesso, non hanno un’immagine molto chiara di sé, che appunto può cambiare a seconda del contesto e delle persone con cui si trovano. In genere, la loro autostima può risultare irrealisticamente alta o bassa.
  • Relazioni: a causa delle convinzioni e dei comportamenti problematici, i soggetti con disturbi di personalità hanno difficoltà a stringere relazioni strette con gli altri. Infatti, possono mancare di empatia o rispetto per le altre persone, essere emotivamente distaccati o eccessivamente bisognosi di cure e attenzioni.
  • Poca consapevolezza di sé: le persone che soffrono di disturbi della personalità, spesso, non sono consapevoli della propria condizione, né del fatto che i propri pensieri e comportamenti siano in realtà problematici.

Disclaimer: le informazioni fornite potrebbero non essere esaustive.

Sintomi dei disturbi di personalità: Cluster A

  • Disturbo paranoide di personalità:
    • Credere che gli altri faranno loro del male, si approfitteranno di loro o li umilieranno in qualche modo;
    • Impegnarsi a proteggersi e a mantenere la distanza dagli altri;
    • Attaccare preventivamente quando si sentono minacciati;
    • Tendenza a portare rancore, essere litigiosi e mostrare gelosia patologica;
    • Modalità di pensiero evidentemente distorta, che si manifesta nell’interpretare negativamente i comportamenti e i commenti altrui, soffermandosi su offese passate;
    • Non riuscire a fidarsi degli altri e incapacità a stringere rapporti stretti;
    • Vita emotiva dominata dalla sfiducia e dall’ostilità.
  • Disturbo schizotipico di personalità:
    • Difficoltà a instaurare rapporti stretti, al di fuori di quelli familiari;
    • Interpretazione errata degli eventi;
    • Pensiero bizzarro, eccentrico o inusuale;
    • Abbigliamento bizzarro, trasandato o con abbinamenti strani;
    • Credere di avere poteri speciali, come la telepatia;
    • Percezioni insolite, come avvertire la presenza di una persona assente;
    • Persistente ed eccessiva ansia sociale;
    • Stile singolare del discorso;
    • Presenza di pensieri sospetti o paranoidi e di costanti dubbi sulla fedeltà e lealtà degli altri;
    • Maggiore interesse per le attività solitarie;
    • Emozioni appiattite e risposte emotive limitate o inadeguate.
  • Disturbo schizoide di personalità:
    • Tendenza a preferire attività solitarie, che comportano poca interazione con gli altri;
    • Scarso o assente desiderio sessuale;
    • Indifferenza a critiche e lodi;
    • Sensazione di non provare alcun piacere per la vita o nello svolgimento di qualsiasi attività;
    • Incapacità a cogliere i segnali sociali, apparendo agli altri come socialmente inetto e superficiale;
    • Incapacità a esprimere emozione positive e negative, reagendo in modo inappropriato a scambi sociali, apparendo così noioso o disattento;
    • Demotivazione e assenza di obiettivi;
    • Vivere i rapporti sociali come invadenti e del tutto inutili, motivo per cui il contatto umano è quasi sempre evitato.

Disclaimer: le informazioni fornite non sono necessariamente esaustive.

Sintomi dei disturbi di personalità: Cluster B

  • Disturbo antisociale di personalità:
    • Disprezzo per gli altri;
    • Sfruttare le altre persone per il proprio tornaconto personale;
    • Non provare alcun rimorso per le loro azioni;
    • Diffidenza nei confronti altrui;
    • Mancanza di empatia verso gli altri e indifferenza verso le emozioni, i diritti o le sofferenze altrui;
    • Comportamento impulsivo;
    • Difficoltà a pianificare in anticipo e a considerare le conseguenze per sé stessi e per gli altri;
    • Problemi di controllo degli impulsi;
    • Possibilità di essere fisicamente aggressivi;
    • Alta opinione di sé, essere presuntuosi, sicuri di sé o arroganti;
    • Al fine di ottenere ciò che vogliono, possono essere molto persuasivi e convincenti;
    • Irresponsabilità, dal punto di vista finanziario e sociale.
  • Disturbo borderline di personalità:
    • Comportamento instabile, impulsivo e rischio, come avere rapporti sessuali non protetti;
    • Esplosioni di rabbia e litigi violenti;
    • Relazioni instabili e intense;
    • Immagine di sé e degli altri instabile, che oscilla tra i poli di idealizzazione e svalutazione;
    • Marcati cambiamenti dell’umore;
    • Emozioni contrastanti e difficili da gestire;
    • Intensa paura di essere soli o abbandonati;
    • Sentimenti di vuoto e mancanza di scopi;
    • Minacce e comportamento suicidario e autolesionistico;
    • Difficoltà a riflettere sul proprio stato emotivo, sul proprio vissuto o sulle relazioni in modo coerente e lineare;
    • Sintomi dissociativi, come sentirsi distaccati dalle proprie emozioni o dal proprio corpo.
  • Disturbo narcisistico di personalità:
    • Idee grandiose di sé;
    • Credere di meritare un trattamento speciale o di essere unici;
    • Fantasie di successo illimitato, potere, fascino, bellezza o amore ideale;
    • Ritenere di non essere sufficientemente apprezzati e riconosciuti per il proprio valore;
    • Senso di vuoto e apatia nonostante i successi;
    • Richiesta eccessiva di ammirazione per le proprie qualità speciali;
    • Tendenza a sfruttare gli altri per i propri scopi;
    • Mancanza di empatia e incapacità a riconoscere i sentimenti e i bisogni altrui;
    • Sentimento di disprezzo, vergogna o invidia;
    • Atteggiamenti arroganti e presuntuosi.
  • Disturbo istrionico di personalità:
    • Provare disagio quando non si è al centro dell’attenzione;
    • Interazione con gli altri caratterizzata da comportamenti inappropriati, come comportamenti provocanti o seduttivi;
    • Emotività esageratamente inappropriata, mutevole e superficiale;
    • Uso dell’aspetto fisico per attirare l’attenzione su di sé;
    • Eloquio di tipo impressionistico e privo di dettagli;
    • Alta suggestionabilità ed essere facilmente influenzabili dagli altri e dalle circostanze;
    • Tendenza a considerare le relazioni più intime di quanto non lo siano in realtà;
    • Preoccupazione per l’apparenza;
    • Comportamenti manipolativi;
    • Ipersensibilità alla critica.

Disclaimer: le informazioni fornite potrebbero non essere esaustive.

Sintomi dei disturbi di personalità: Cluster C

  • Disturbo evitante di personalità:
    • Evitare di farsi coinvolgere in attività che comportino un significativo contatto interpersonale, per paura di essere criticati, disapprovati o rifiutati;
    • Indisponibilità a interagire con gli altri, a meno che non si è certi di piacere;
    • Mostrarsi frenati nelle relazioni sociali a causa della vergogna e della paura di essere ridicolizzati;
    • Inibizione nelle nuove situazioni sociali, a causa del sentimento di inadeguatezza;
    • Tendenza a valutarsi inadeguati socialmente, inetti, poco attraenti e inferiori agli altri;
    • Riluttanza ad assumersi rischi personali o a impegnarsi in nuove attività, perché potrebbe rivelarsi imbarazzante.
  • Disturbo ossessivo-compulsivo di personalità:
    • Ansia;
    • Difficoltà a esprimere stati d’animo ed emozioni;
    • Preoccupazione eccessiva per i dettagli, le regole, le liste, l’ordine e quant’altro;
    • Difficoltà a individuare le priorità con conseguente perdita dell’obiettivo principale;
    • Eccessivo perfezionismo che interferisce con il completamento dei compiti;
    • Senso di colpa;
    • Critica eccessiva e insoddisfazione per sé stessi e i propri risultati;
    • Eccessiva dedizione al lavoro e alla produttività a discapito delle attività di svago o delle amicizie;
    • Difficoltà a empatizzare;
    • Coscienziosità, scrupolosità, rigidità morale, etica o valoriale;
    • Difficoltà a scartare oggetti usurati o senza valore, anche quando non hanno alcun valore sentimentale;
    • Riluttanza a delegare compiti o a lavorare con altre persone, a meno che non si sottomettano o assecondino il proprio modo di fare;
    • Avarizia;
    • Rigidità, testardaggine, tendenza al controllo e passività.
  • Disturbo dipendente di personalità:
    • Difficoltà a prendere decisioni senza il ricorso a suggerimenti, rassicurazione e consigli da parte degli altri;
    • Richiesta agli altri di assumersi responsabilità che dovrebbero spettare a loro;
    • Paura di essere in disaccordo con gli altri e rischiare la disapprovazione;
    • Difficoltà a iniziare progetti senza il supporto degli altri;
    • Eccessivo bisogno di protezione e supporto da parte degli altri;
    • Sentirsi vulnerabili e indifesi quando si è soli;
    • Cercare disperatamente una relazione non appena ne è terminata una;
    • Preoccupazione irrealistica di essere lasciati soli e di non essere in grado di prendersi cura di sé stessi.

Disclaimer: l’elenco proposto non è da considerarsi esaustivo.

Le cause dei disturbi di personalità non sono ancora del tutto chiare. Tuttavia, gli esperti pensano che si tratti di una combinazione di più fattori. In particolare:

  • Predisposizione genetica: alcuni tratti genetici possono contribuire all’insorgenza dei disturbi di personalità;
  • Modificazioni cerebrali: determinate alterazioni a livello del cervello possono essere responsabili della comparsa di tali condizioni. Per esempio, un funzionamento alterato dell’amigdala sembra essere coinvolto nell’insorgenza del disturbo paranoide di personalità o una diminuzione volumetrica del lobo frontale nella comparsa del disturbo psicotico di personalità;
  • Traumi infantili: possono contribuire all’insorgenza di determinati disturbi della personalità. Tali traumi possono riguardare eventi negativi vissuti durante l’infanzia, violenza sessuale o domestica, abusi su minori e quant’altro;
  • Abuso verbale: alcuni studi hanno individuato una maggiore incidenza di disturbi di personalità borderline, narcisistici, ossessivo-compulsivi e paranoici in adulti che avevano subito abuso verbale in età infantile;
  • Fattori culturali e ambientali: determinati elementi presenti nella cultura e nell’ambiente di crescita del bambino possono contribuire all’insorgenza dei disturbi di personalità.

Disclaimer: le informazioni fornite non sono necessariamente esaustive.

Le opzioni di trattamento per i disturbi di personalità sono molteplici. Tra queste, vi sono:

  • Terapia cognitivo-comportamentale: è volta all’identificazione dei pensieri distorti e dei comportamenti disfunzionali tipici del disturbo. La terapia si basa sulla modifica di tali pensieri e comportamenti in altri più sani e funzionali, mediante l’apprendimento di nuove modalità di risposta, l’esposizione graduale alle situazioni temute e il fronteggiamento attivo degli stati di disagio.
  • Terapia dialettico comportamentale: è particolarmente efficace nel trattamento del disturbo borderline di personalità. Agisce sia sul fronte cognitivo, permettendo al paziente di acquisire consapevolezza del proprio disturbo e delle credenze disfunzionali che esso comporta, sia su quello comportamentale, aiutando il paziente a identificare e analizzare i comportamenti problematici, imparando a sostituirli con altri adattivi.
  • Terapia psicoanalitica o psicodinamica: tale approccio esplora i “movimenti” che avvengono tra coscienza e inconscio, concentrandosi, in particolar modo, su quest’ultimo. Ha l’obiettivo di aiutare il paziente a capire come esperienze e traumi del passato possano influenzare il processo decisionale, il comportamento e le relazioni attuali. Non ha lo scopo solo di alleviare i sintomi superficiali, ma di scavare nell’interiorità e nel profondo, per comprendere la causa del malessere e disagio psicologico.
  • Terapia di gruppo: la condivisione con altre persone che soffrono della medesima condizione aiuta i pazienti a non sentirsi soli o gli unici a soffrire di tale disturbo. Inoltre, è utile per aiutare il soggetto a sviluppare nuove strategie di coping.
  • Psicoeducazione: è volta ad informare il paziente e la famiglia circa la natura e la gestione di un determinato disturbo psicologico. È particolarmente efficace non solo per il soggetto, ma anche per i familiari, in quanto li rende maggiormente consapevoli della condizione e delle modalità con cui aiutare e sostenere il proprio caro durante il percorso di guarigione.

La terapia farmacologica non è particolarmente indicata per trattare i disturbi della personalità. Tuttavia, in alcuni casi, lo specialista può prescrivere degli antidepressivi, degli ansiolitici o degli stabilizzatori dell’umore per alleviare la sintomatologia relativa alla condizione.

Disclaimer: le informazioni fornite potrebbero non essere esaustive.

FAQs

COME THE BALANCE PUÒ AIUTARE

The Balance RehabClinic è un fornitore leader di dipendenze di lusso e trattamenti per la salute mentale per individui benestanti e le loro famiglie, offrendo una miscela di scienza innovativa e metodi olistici con un'assistenza personalizzata senza pari.

Un metodo unico

UN CONCETTO DI SUCCESSO COMPROVATO CHE SI CONCENTRA SU LE CAUSE SOTTOSTANTI.
UN SOLO CLIENTE ALLA VOLTA
APPROCCIO DUREVOLE SU MISURA
RESTAURO BIOCHIMICO
MULTIDISCIPLINARE e OLISTICO
TRATTAMENTO BASATO SULLA TECNOLOGIA
TERAPIA INFORMATA SUL TRAUMA

APPROCCIO DURATURO

0 Prima

Invia Richiesta di Ammissione

0 Prima

Definire gli obiettivi del trattamento

1 settimana

Valutazioni e disintossicazione

1-4 settimana

Terapia psicologica e olistica

4 settimana

Terapia familiare

5-8 settimana

Dopo cura

12+ settimana

Visita di aggiornamento

Salute Mentale Insights

latest news & research on Salute Mentale
ALLUCINAZIONI UDITIVE
ALLUCINAZIONI UDITIVE

Le allucinazioni uditive sono fenomeni psichici in cui si ha la sensazione di percepire suoni, rumori o voci che in realtà non esistono.

Di più
EFFETTO MANDELA
EFFETTO MANDELA

L’effetto Mandela, conosciuto in psicologia come confabulazione, indica un falso ricordo, in cui il soggetto è convinto di ricordare una determinata situazione

Di più
DISPNEA ANSIOSA
DISPNEA ANSIOSA

Di più
megalofobia
MEGALOFOBIA

La megalofobia è la fobia delle cose grandi. Si tratta di una paura persistente, eccessiva e sproporzionata rispetto al reale stimolo temuto.

Di più

Accreditamenti

 
NeuroCare
TAA
ssaamp
Somatic Experience
SMGP
SEMES
SFGU
WPA
red GDPS
pro mesotherapie
OGVT
AMF
NeuroCademy
MEG
institute de terapie neural
ifaf
FMH
EPA
EMDR
COPAO
COMIB
British Psychology Society
 

Media

 
Live Science
Mallorca Magazin
Woman & Home
National World
American Banker
Marie Claire
BBC
La Nacion
Metro UK
General Anzeiger
Business Leader
Dazed
Apartment Therapy
Express UK
Bloomberg
Cosmopolitan
Morgenpost
Manager Magazin
Entrepreneur ME
abcMallorca
Psychreg
DeluxeMallorca
BusinessInsider
ProSieben
Sat1
Focus
Taff
TechTimes
HighLife
PsychologyToday
LuxuryLife
The Times
The Standard
The stylist
Mirror UK
Mallorca Zeitung
Daily Mail
Guardian