7 Minuti

Modificato e recensito clinicamente da THE BALANCE Squadra
Fatto verificato

Potrebbe capitare che nella vostra vita amorosa abbiate a che fare con un partner bipolare. Bisogna subito dire che non è di certo il compagno o la compagna con cui avere a che fare, dato che la sindrome bipolare non garantisce la stabilità che spesso si ricerca in una relazione amorosa.

Avere un partner bipolare significa fondamentalmente avere qualcuno che cambia umore in pochissimo tempo e passa da un eccesso di gioia e felicità alla più nera delle depressioni. Capirete con facilità che riuscire a mantenere una relazione stabile, diventa quantomeno complicato e nella maggior parte dei casi si tende ad abbandonare la persona che crea così tante difficoltà nella relazione.

L’amore di una persona bipolare è sicuramente onesto e sincero, ma tra bipolarismo e amore non vi può essere armonia. Pur amando al massimo in determinate situazioni, in altri momenti la persona bipolare non solo non saprà mostrare amore, ma addirittura potrebbe arrivare a ferire il proprio partner anche in modo molto pesante, tanto da mettere a serio rischio il prosieguo della relazione.

Per capire esattamente come si comporta un bipolare in amore, bisogna innanzitutto considerare che si devono fare i conti con qualcuno che rischia di finire in una relazione tossica che vi potrebbe portare a grandi difficoltà e mettere anche a serio rischio la vostra salute mentale, finendo in una spirale di tristezza e disperazione dalla quale non sarà affatto facile uscire.

Avendo questi forti sbalzi di umore, il partner bipolare potrebbe anche essere quello che vi attacca con la scusa di non essere presente a sufficienza e riversare proprio su di voi quelle colpe che in realtà non avete e che potrebbe invece avere il vostro partner. Tuttavia, non si dovrebbe parlare di colpe, essendo il partner effettivamente affetto da disturbo e ha sicuramente bisogno di cure e non di essere accusato di qualcosa.

In ambito sessuale, dovreste stare particolarmente attenti a degli scatti che possono sfociare in situazioni piuttosto ambigue e pericolose. Se il vostro partner che vi aveva negato qualche pratica di tipo particolare in passato, dovesse non solo accogliere il cambiamento con buona volontà, ma essere proprio la parte che insiste in maniera maniacale, potrete trovarvi di fronte ad una persona affetta da bipolarismo.

Una relazione con un bipolare non è affatto facile, come abbiamo già detto. Il rischio che il vostro partner si allontani da voi è decisamente concreto, soprattutto con l’insorgere di alcuni sintomi che possono guastare la serenità della sua e della vostra esistenza fino a quel momento che ricordate come quello felice.

Il senso di inadeguatezza e la perdita di autostima, potrebbero far scattare nel partner bipolare la necessità di abbandonarvi, in quanto si ritiene come non meritevole di stare assieme a voi, senza, tra l’altro, nemmeno chiedere la vostra opinione.

La fase più acuta di questa malattia potrebbe sfociare in pensieri di carattere suicida e che possono quindi portare alla morte. Attenzione quindi a tutti quei segnali che possano indicare un principio di depressione. Tra questi, sono particolarmente indicativi un’eccessiva perdita di appetito e quindi del peso corporeo, un decremento sensibile della voglia di svolgere tutte quelle attività che fino a poco tempo prima venivano ritenute piacevoli e soddisfacenti e un’agitazione innaturale, che si nota sicuramente di più se il soggetto ha sempre dimostrato una certa razionalità nel suo agire quotidiano.

Spesso ci si chiede come possa essere una persona bipolare quando è in quella fase che più di tutte stimola l’interesse e la voglia di vivere, ovvero la fase di innamoramento. Come si comporta un bipolare in amore?

In un primo momento potrebbe essere piuttosto frequente che la persona bipolare innamorata sia vittima di un eccesso di euforia e che voglia stupire il futuro partner, mettendo in mostra un’energia particolarmente vivace e che possa conquistare chiunque.

Dopo questa fase di eccessiva euforia, solitamente la fase disforica, ovvero l’esatto opposto dell’euforia. Durante questa fase sarà mostrato il lato più oscuro della persona bipolare, che darà prova di essere costantemente arrabbiato per qualcosa o con qualcuno e non si darà pace, in quanto presunta vittima di complotti a suo danno.

Naturalmente, il più delle volte tutto ciò lo vive solo ed esclusivamente il soggetto affetto da bipolarismo, non rendendosi conto che, sì, è possibile che non tutte le persone che sono accanto a lui lo debbano per forza di cose venerare o ritenere che sia un esempio, ma che, allo stesso tempo, non tramano nulla nei suoi confronti e non gli vogliono necessariamente male.

Se avete un partner bipolare vi chiederete molto probabilmente perché i bipolari scappano e per quale motivo vi hanno abbandonato, all’apparenza senza alcun motivo serio. La fase depressiva del bipolare non permette una relazione sana e genuina e verrete allontanati quasi sicuramente, questa è solo ed esclusivamente una questione di tempo.

Ricordate che stare assieme ad una persona bipolare, non deve necessariamente voler dire accudire in tutto e per tutto il partner e soprattutto non vuol dire che dovrete accontentare tutte le sue richieste, anche perché potrebbero arrivarne di particolarmente bizzarre, per non dire scomode o addirittura preoccupanti.

Di certo potreste fare in modo di non essere eccessivamente protettivi e lasciare che qualche leggera sbandata venga presa, nonché anche dei rifiuti da parte di persone affettivamente importanti per il soggetto bipolare.

Se vi state chiedendo come aiutare un bipolare dovreste tenere in considerazione anche il fatto di non essere eccessivamente critici nei suoi confronti. Va bene fargli notare che qualche cosa che sta facendo non va bene o che potrebbe anche essere fatto in un modo migliore, ma bisogna assolutamente evitare di ferire i sentimenti di questa persona con dei commenti sprezzanti o che possano fomentare un principio di depressione o di chiusura nei vostri confronti.

Trovare il giusto equilibrio non è sicuramente facile, ma allo stesso tempo non dovrete dargliele tutte vinte, dato che rischiate di annullare completamente la vostra personalità e soffrirete inevitabilmente anche voi della situazione di coppia che si andrà a creare.

Come per qualsiasi altro tipo di relazione tossica, anche quella con un partner bipolare potrebbe giungere ad un termine, soprattutto quando non sarete più disposti a vivere esclusivamente per accontentare le esigenze dell’altro. Sia chiaro, vi è una ben netta differenza tra rispettare le scelte diverse dalle proprie e condividere delle passioni che coinvolgono solamente un soggetto nella coppia. Stiamo parlando dell’annullamento totale di un soggetto rispetto ad un altro. La rinuncia ad ogni tipo di affetto e a qualsiasi hobby che abbiate avuto in passato e che è finito nel dimenticatoio a causa di un’altra persona.

Come spaventare un narcisista

Quando arriverete al momento del distacco, cercate di spiegare in maniera molto chiara la situazione. Non siate drastici e non riversate necessariamente tutte le colpe sull’altra persona. È bene che sappia che lo state lasciando per determinati problemi, ma fate in modo di non essere visti come un nemico o un traditore, poiché rischiate di essere il prossimo bersaglio di determinate paranoie.

Allo stesso tempo, dovrete essere chiari e precisi nella vostra esposizione dei motivi per i quali lo state lasciando. Non lasciate nulla al caso e alla reinterpretazione. Fate in modo che non ci siano vie di fuga tali che possa essere lasciata una breccia di speranza in un ritorno futuro, da parte vostra, soprattutto se queste non sono affatto le vostre intenzioni.

Avere a che fare con un disturbo bipolare e come comportarsi potrebbe non essere comunque semplice, nonostante le nostre indicazioni. Fortunatamente, non dovrete essere necessariamente voi a decifrare l’enigma che porti ad una soluzione, ma avrete modo di rivolgervi a persone esperte nel settore medico, che potranno essere di grande aiuto e risolutive.

C’è una struttura ottima che si può occupare con la professionalità di cui avete bisogno di questa problematica. Stiamo parlando del Luxury Rehab di Mallorca in Spagna. Qui avrete modo di godere di tanta pace e tranquillità, circondati da personale attento e ben preparato, che vi fornirà tutto ciò di cui avete bisogno.

Sarete letteralmente al centro del loro universo, dato che il centro non accoglie più di una persona alla volta e farà in modo di essere sempre disponibili per qualsiasi tipo di richiesta e per accogliervi nel migliore dei modi per tutto il tempo che deciderete di alloggiare presso la struttura.

Domande frequenti

Un metodo unico

Un sistema collaudato ed efficace per individuare le vere cause di qualsiasi squilibrio.
1 - UN CLIENTE PER VOLTA
2 - PRIVACY & DISCREZIONE
3 - CHECK-UP APPROFONDITO
4 - PROGRAMMA PERSONALIZZATO, PER TRATTARE OGNI DISTURBO ALLA RADICE
5 - RISTRUTTURAZIONE BIOCHIMICA
6 - APPROCCIO OLISTICO
7 – TERAPIE ALL’AVANGUARDIA
8 - UN CONSULENTE SEMPRE A DISPOSIZIONE
9 - STRUTTURA DI LUSSO PRIVATA
10 - CHEF PERSONALE E PIANO ALIMENTARE

APPROCCIO DUREVOLE

0 Prima

Invia richiesta di ammissione

0 Prima

Definire gli obiettivi del trattamento

1 settimana

Comprehensive Assessments & Detox

1-4 settimana

Fisico in corso e Terapia mentale

4 settimana

Family Therapy

5-8 settimana

Dopo cura

12+ settimana

Visita di aggiornamento

Accreditamenti e media