7 Minuti

Modificato e recensito clinicamente da THE BALANCE Squadra
Fatto verificato

La depressione è un disturbo del normale equilibrio mentale molto diffuso nella popolazione mondiale, e specialmente nei paesi industrializzati, caratterizzato da un tono dell’umore spesso altalenante ma tendenzialmente basso. Il disturbo depressivo può presentarsi in varie forme ed avere gravità diverse, il suo episodio può essere acuto (un rapido e repentino calo del tono umorale, solitamente in seguito a traumi o eventi stressanti), o presentare un’insorgenza graduale. 

Nella stragrande maggioranza dei casi il paziente depresso conserva, a prescindere dal trattamento della sua condizione, un elevato margine di funzionalità. E’ infatti molto raro che i disturbi depressivi possano arrivare a compromettere la capacità del soggetto di mantenere un lavoro o una relazione, sebbene si riporti un grado di soddisfazione decisamente inferiore. 

La depressione può accompagnarsi ad una lunga serie di sintomi, che possono includere: alterazioni dello stato di coscienza, riduzione dei riflessi, disturbi del sonno (insonnia o ipersonnia), disturbi gastrointestinali, rigidità muscolare, acufene, ma che normalmente non pregiudicano la funzionalità del soggetto. 

L’inizio del percorso terapeutico solitamente viene propiziato dal soggetto, che si rivolge ad un professionista dell’igiene mentale (psicologo, psichiatra, psicoanalista) per gestire o eliminare la sintomatologia depressiva. Solitamente, il percorso prevede delle sedute settimanali di durata variabile (dai 45 ai 90 minuti), volti ad individuare le cause della depressione e la gestione dei sintomi. 

Il curante può avvalersi di una serie di strumenti per la rieducazione dei processi cognitivi del paziente, come i pattern cognitivo-comportamentali, l’EMDR per il trattamento dei traumi, e la farmacologia. 

In alcuni casi, tuttavia, il soggetto può giovare di un regime terapeutico che differisca da quello tradizionale, e che contempli un sostegno regolare e continuativo nel tempo. E’ questo il caso dei soggiorni nelle cliniche terapeutiche, anche chiamate “case di cura”: delle strutture pensate per l’accoglienza dei pazienti le cui necessità richiedano un intervento più generoso ed un distacco completo dalle normali abitudini quotidiane. 

Si stima che il territorio italiano conti poco meno di 1,000 istituti di cura, localizzati principalmente nella zona centrale e centro settentrionale del Paese. 

Unità di psichiatria degli Istituti Clinici Zucchi di Carate, è una struttura pensata per l’accoglienza e la cura di pazienti affetti da disturbi psichiatrici, depressione inclusa. Le varie Unità e Comunità presenti all’interno della struttura, vanno ad inquadrare il percorso di trattamento e guarigione in ogni suo step: dalla diagnosi alla selezione della terapia, passando per un sostegno continuo che può durare anche anni, a seconda delle necessità del singolo paziente.

L’equipe presente all’Unità Operativa accoglie centinaia di pazienti ogni anno, ed eroga migliaia di prestazioni ambulatoriali. Nell’Unità di Riabilitazione Psichiatrica, pensata per la gestione dei ricoveri programmati per ulteriori indagini diagnostiche e la modifica della terapia, si avvale della professionalità di riabilitatori, infermieri, OSS (operatori socio sanitari), assistenti sociali, Psicologi e Psichiatri, che aiuteranno il paziente e le loro famiglie nella diagnosi e nell’impostazione di un percorso terapeutico finalizzato alla guarigione o alla gestione dei sintomi.

La Comunità Protetta ad Alta Intensità, solitamente indicata dall’acronimo (C.R.A.), è pensata per percorsi terapeutici e riabilitativi a medio o lungo termine, che possono andare dai 3 mesi ai 2 anni, e sono riservati a pazienti maggiorenni di età non superiore ai 50 anni. La durata del ricovero viene concordata con l’equipe di specialisti presente al centro, ma può essere modificata in corso d’opera per assistere il paziente per un lasso di tempo più lungo (nel caso in cui ne avesse bisogno) o più breve rispetto a quanto concordato inizialmente, nel caso in cui la sintomatologia regredisca velocemente. I ricoveri più brevi sono solitamente pensati per la gestione della fase post-acuta, che può riguardare la slatentizzazione o una marcata ricaduta di un disturbo mentale.

La Comunità Protetta ad Alta Intensità (solitamente conosciuta come C.P.A.) è una struttura dedicata ai pazienti maggiorenni di età non superiore ai 65 anni, che convivono con disturbi mentali cronici, la cui gestione necessita di particolari attenzioni e di un trattamento riabilitativo di lungo termine.

Situata nella meravigliosa cornice modenese, Villa Rosa è una struttura specialistica da anni operativa sul territorio, che offre percorsi terapeutici mirati ai pazienti con disturbi psichiatrici, con particolare enfasi sui disturbi dell’umore (depressione), e stati di dipendenza da alcol e sostanze stupefacenti. In un’efficiente sinergia operativa con i Servizi Nazionali, questa struttura offre un valido sostegno per i pazienti e le loro famiglie in ogni stadio della manifestazione psichiatrica: da quella acuta (slatentizzazione o ricaduta), alla gestione dei sintomi su base quotidiana.

Obiettivo dell’equipe medica della clinica Villa Rosa, è la riabilitazione psicofisica del paziente, tramite dei trattamenti mirati pensati per il paziente e per i suoi specifici bisogni. Lo staff di VIlla Rosa è specializzato non solo nel processo diagnostico, tramite il quale si arriva a definire con precisione il tipo di disturbo dal quale ogni soggetto è affetto, ma tramite colloqui approfonditi si arriva anche ad inquadrare la situazione del paziente al di là dell’etichetta della malattia.

I percorsi terapeutici di Villa Rosa offrono un ventaglio di soluzioni pensate per soddisfare le esigenze più differenti, da percorsi ambulatoriali con incontri settimanali per i casi di di depressione più lievi, fino al soggiornò a lungo periodo per i disturbi psichiatrici a carattere cronico che hanno bisogno di un sostegno continuativo nel tempo. 

Il Servizio Psichiatrico Ospedaliero Intensivo si occupa della gestione della fase acuta della manifestazione psichiatrica, con un ricovero la cui durata può variare a seconda delle necessità del soggetto. Il Settore Residenziale in contesto ospedaliero lavora a stretto contatto con i Dipartimenti di Salute Mentale e Dipendenze Patologiche, e offre tre possibili soluzioni per i soggiorni dei pazienti: La Residenza a Trattamento Intensivo RTI, l’RTIS e l’RTP, tre accoglienze diverse pensate per soddisfare i bisogni di diversa entità, dagli episodi sub-acuti alle psicopatologie complesse con evidente disfunzionalità.

I soggiorni hanno una durata massima di 180 giorni. 

Nata negli anni ‘50 del secolo scorso, la casa di cura Sant’Anna è una situata nel Monferrato, che negli anni si è affermata come una delle principali realtà nella sua categoria, grazie all’equipe medica altamente specializzata e all’esperienza accumulata in oltre mezzo secolo di attività. I programmi di riabilitazione psichiatrica non sono riservati solamente ai pazienti con disturbi del tono dell’umore, ma contemplano anche soluzioni terapeutiche per soggetti con problematiche legate ad ansia, attacchi di panico, schizofrenia, disturbi della personalità, del comportamento alimentare, dipendenze da sostanze e DOC. Recentemente ristrutturata

la struttura sorge in una tranquilla e serena zona cittadina, su un verde parco che ben si confà alla necessità dei suoi ospiti di ritrovare il proprio equilibrio psicofisico in un ambiente sereno e rilassato.

Lo staff della clinica è composto da psicologi, psichiatri, neurologi, infermieri e operatori sociosanitari, che aiuteranno il soggetto e la sua famiglia in ogni passo del percorso: dalla diagnosi alla discussione della terapia, passando per la somministrazione della stessa e l’eventuale modifica durante il periodo di cura, arrivando infine ai regolari followup una volta terminato il soggiorno nella clinica. 

Il trattamento della depressione è più un’arte che una scienza, ed il percorso terapeutico dovrebbe essere modellato, tappa dopo tappa, a sulle necessità del paziente. Se nella normale pratica medica la depressione viene tratta con incontri settimanali (solitamente della durata di un’ora), che lasciano il paziente nella condizione di dover gestire da solo i sintomi depressivi fino all’incontro successivo con il terapeuta, i centri per la riabilitazione psicologica sono pensati per far sì che le persone possano trovare in ogni momento il sostegno di cui hanno bisogno, propiziando un distacco totale dalla routine che può influenzare il decorso della depressione.

L’ambiente dei centri di riabilitazione stimola inoltre la condivisione del proprio percorso terapeutico con altri pazienti in cura nella stessa struttura. Diversi studi hanno dimostrato come il trattamento della depressione aumenti in modo sensibile le probabilità di essere risolutivo, quando associato a delle sessioni di gruppo. L’obiettivo della clinica è quello di incoraggiare un distacco totale da pattern disfunzionali alla base della depressione

Non è possibile tracciare una timeline che possa descrivere con esattezza la durata della terapia. Molti pazienti, una volta entrati in clinica, riescono a trovare il proprio equilibrio in poche settimane, per poi proseguire nei mesi successivi con delle sedute di followup mirate al mantenimento delle abitudini virtuose generate nell’ambiente protetto del centro di riabilitazione.

La depressione tuttavia è una condizione che si presenta in molti modi e forme diverse. Pazienti con una storia di improvvise ricadute potrebbe aver bisogno di sedute di follow up più frequenti o di un soggiorno più lungo all’interno della clinica, nella quale si può consigliare (o sconsigliare, a seconda dei casi) l’utilizzo di un sostegno farmacologico con elemento adiuvante della terapia.

Generalmente, la maggior parte dei pazienti sperimenta benefici dopo un periodo di 4 o 6 settimane.

Un metodo unico

Un sistema collaudato ed efficace per individuare le vere cause di qualsiasi squilibrio.
1 - UN CLIENTE PER VOLTA
2 - PRIVACY & DISCREZIONE
3 - CHECK-UP APPROFONDITO
4 - PROGRAMMA PERSONALIZZATO, PER TRATTARE OGNI DISTURBO ALLA RADICE
5 - RISTRUTTURAZIONE BIOCHIMICA
6 - APPROCCIO OLISTICO
7 – TERAPIE ALL’AVANGUARDIA
8 - UN CONSULENTE SEMPRE A DISPOSIZIONE
9 - STRUTTURA DI LUSSO PRIVATA
10 - CHEF PERSONALE E PIANO ALIMENTARE

APPROCCIO DUREVOLE

0 Prima

Invia richiesta di ammissione

0 Prima

Definire gli obiettivi del trattamento

1 settimana

Comprehensive Assessments & Detox

1-4 settimana

Fisico in corso e Terapia mentale

4 settimana

Family Therapy

5-8 settimana

Dopo cura

12+ settimana

Visita di aggiornamento

Accreditamenti e media